Vincenzo Linarello

Fellow dal 2016

Organizzazione: Goel - Gruppo Cooperativo 

Questa descrizione di Vincenzo Linarello e del suo lavoro è stata preparata quando Vincenzo è stato eletto Ashoka Fellow nel 2016.

Vincenzo crede che la ricchezza possa essere creata in Calabria e altrove senza essere associata alla mafia, creando un esempio di economia inclusiva, rispettosa dell'ambiente e socialista come alternativa. Questa economia alternativa può creare posti di lavoro, delegittimando così la mafia come unica speranza per la gente del posto. Le persone avrebbero quindi maggiori probabilità di opporsi ad essa, poiché non ne dipenderebbero per il reddito, portandoci un passo avanti verso la sconfitta della mafia. Vincenzo sfrutta i beni che la sua regione offre, nonostante il suo estremo isolamento geografico e l'economia infiltrata dalla mafia: dalle infrastrutture di un'ex industria tessile, al terreno fertile, al gran numero di persone in cerca di lavoro. Si basa su queste risorse per ricreare un'economia che sia etica, inclusiva, legale e rispettosa dell'ambiente. Per creare più posti di lavoro e quindi indebolire la presa reale ma anche psicologica del potere della 'Ndrangheta, Vincenzo collega il suo consorzio ai grandi rivenditori del Nord Italia, per generare la domanda per i suoi prodotti. Mentre la mafia si espande nel Nord Italia, dove è diventata una potenza economica investendo il denaro che ha acquisito illecitamente, Vincenzo la segue coinvolgendo i consumatori e le imprese in un movimento antimafia.

Tutto è iniziato con Cerca Lavoro, un incubatore di imprese che ha fornito supporto a centinaia di aziende locali dal 1996. Cerca Lavoro fornisce consulenza legale, amministrativa, fiscale e commerciale e supporto gratuito. In cambio, se la società riesce, devolve a Cerca Lavoro una tassa del 2% del loro profitto per i primi anni. Nel 2003 si è unito a diverse altre imprese e cooperative locali che hanno voluto opporsi all'economia della mafia creando il Consorzio Goel. Da allora, sotto la guida di Vincenzo, sono emerse altre importanti imprese sociali all'interno del consorzio.

Cangiari (cambiare, nel dialetto locale) è il primo marchio etico nell'industria della moda italiana. Tutto il materiale tessile è organico, equo e solidale ed ecologico e gli operai tessili sono tutti persone svantaggiate unite in una cooperativa, quindi proprietari di parte dei mezzi di produzione. Versace è tra i loro clienti.

Goel BIO lavora a Rosarno, un piccolo villaggio diventato famigerato a livello nazionale nel 2010, quando i migranti africani, tenuti come lavoratori nei campi di arance in condizioni di schiavitù, hanno iniziato una rivolta in cui sono stati sparati molti di loro. Le arance sono in genere acquistate dagli agricoltori per un minimo di 5 centesimi al chilo dai distributori che appartengono alla 'Ndrangheta. Goel vuole offrire un'alternativa, acquistandoli per 40 centesimi al chilo in cambio di un'ispezione obbligatoria da parte delle autorità per assicurarsi che i lavoratori siano assunti con contratti regolari, che le loro condizioni siano dignitose e che la loro coltivazione sia davvero organica. NaturaSi, una catena di supermercati biologici, è un cliente. Le aziende a scopo di lucro che hanno aderito al Consorzio sono in gran parte aziende agricole convinte che il modello di Vincenzo sia la via da seguire. In questo modo, Vincenzo sta attivamente riducendo la quota di mercato della mafia. Nell'ottobre 2015, mentre questo profilo veniva scritto e pochi giorni prima della raccolta delle arance, alcuni dei trattori appartenenti a una di queste imprese sono stati bruciati dalla folla. Questo evento è orribile ma quando la mafia usa la violenza di solito è perché si sente sotto attacco, quindi significa che la strategia contro di loro sta guadagnando terreno.

Coop Idea è una comunità per adolescenti svantaggiati che sono stati esclusi dal sistema educativo per problemi comportamentali. Molti di loro hanno sperimentato l'esposizione alla violenza a casa, spesso in famiglie attivamente coinvolte nella mafia. Negli ultimi 10 anni, 100 giovani sono stati ospiti di Coop Idea. La casa ospita fino a 10 ragazzi alla volta. Fino a poco tempo fa, dopo un periodo di supporto da parte di psicologi e educatori, alla maggior parte dei bambini veniva offerto un apprendistato presso piccole imprese locali per dare loro la possibilità di accedere al mercato del lavoro. Sfortunatamente, di solito non erano in grado di ottenere lavori in questo modo. Vincenzo quindi ha cercato di incorporare uno spazio di lavoro all'interno della loro comunità. La Fondazione Vodafone ha fornito tutti i macchinari per creare un laboratorio cosmetico biologico. I suoi prodotti si chiamano Goel Cosmesi. I materiali di scarto della produzione di olio d'oliva (foglie, olive piccole e olio troppo acido per essere mangiato) sono usati per produrre essenze, profumi e altri prodotti per la cura personale.

Aiutamundi (aiutiamoci nel dialetto locale) è una piattaforma per un'economia locale senza contanti. In un luogo con alti tassi di disoccupazione e un enorme bisogno sociale, c'è anche troppo poco denaro per collegare l'offerta e la domanda latente sul mercato. Vincenzo ha così creato un sistema che comprende 100 imprese locali, in cui le interazioni economiche avvengono con transazioni online senza contanti - la maggior parte delle persone dà e riceve servizi utili, dall'assistenza legale alla costruzione, stimolando così l'economia locale e consentendo la mobilità sociale e progredendo senza il bisogno di soldi.

Queste sono solo alcune delle innovazioni di Vincenzo. La nuova idea consiste nella creazione di un'economia parallela alla mafia collegando questo nuovo ecosistema a un'economia positiva nel resto d'Italia e non solo. L'isolamento e la fuga dei cervelli della Calabria si fermeranno solo quando le opportunità locali diventeranno una realtà.