Flavaviano Bianchini Ashoka
Storia edita da un curatore
Questo articolo è apparso per la prima volta su The Post Internazionale

L'ITALIANO CHE SI È FINTO MIGRANTE E HA RAGGIUNTO GLI STATI UNITI ATTRAVERSO IL MESSICO
Flaviano Bianchini racconta il suo viaggio del 2012 oltre il confine tra i due paesi, fatto per testimoniare le difficoltà che migliaia di persone vivono ogni anno

di Cristina Bettati

 

Flaviano Bianchini, classe 1982, è un naturalista e ambientalista fondatore di Source International, organizzazione non governativa che dal 2012 si occupa di offrire supporto scientifico alle comunità che subiscono violazioni dei diritti umani. 

[...] Flaviano si sveste della sua identità europea privilegiata per trasformarsi nel migrante peruviano Aymar Blanco e tentare il viaggio verso il sogno americano allo stesso modo dei più di 1.500 migranti che ogni giorno percorrono la durissima rotta del Messico. Durante i 21 giorni di cammino, Flaviano/Aymar affronta così un asfissiante viaggio stipato insieme ad altri clandestini sul doppio fondo di un camion, i lunghi giorni esposto al freddo e al caldo torrido della “Bestia” – il carro merci che i migranti prendono al volo viaggiando sui tetti o tra un vagone e l’altro -, il sequestro di due giorni in un carcere gestito da una banda criminale, la traversata del deserto, la fame, la sete, ma vive anche gli incredibili gesti di solidarietà di un popolo povero, ma generoso come quello messicano.  

 

CONTINUA A LEGGERE

Altre info per te