Il Malignani è una scuola immensa, con più di 2500 studenti e 250 insegnanti in uno spazio di 35.000 metri quadrati, 9 mila dei quali sono dedicati a ben 46 laboratori. Non sono però i numeri a fare la differenza quanto la lunga storia dell’istituto, inserito in un’area di confine che ha sofferto molto le due guerre mondiali, e della persona a cui si ispira, Arturo Malignani, un imprenditore pioneristico di fine ‘800 il cui pensiero è ancora oggi incorporato nella cultura scolastica.

Malignani udine bandiere

 

E sebbene sia tra le fondatrici del movimento nazionale delle Avanguardie Educative (che accoglie numerose tra le Scuole Changemaker italiane), la grande forza del Malignani risiede nelle relazioni proprio con il territorio che lo circonda. In particolare le centinaia di partnership strette con le organizzazioni e le aziende della regione permette agli studenti di avere un vasto panorama di possibilità per concretizzare la propria vocazione e i propri talenti, sia durante il percorso scolastico che dopo la fine - con un tasso di assunzione altissimo già nell’immediato post-diploma - ma fa anche sì che la scuola sia beneficiaria di un costante aggiornamento dei materiali e della formazione dei propri docenti, due elementi possibili proprio grazie al supporto delle imprese con cui collabora.

L’innovazione non è tuttavia solo nel grande ponte tra scuola e lavoro, ma anche nelle metodologie didattiche, con il brillante esempio del modello MLTV – Making Learning and Thinking Visible – introdotto insieme al Savoia-Benincasa di Ancona, e nella costante ricerca di una formazione a 360 gradi dello studente a livello umano e sociale, ad esempio attraverso attività di educazione alla cittadinanza globale così come tramite l’organizzazione di servizi di volontariato alla comunità svolti dai ragazzi.

malignani udine ragazzi classe.jpg

 

Il Malignani è in tutto e per tutto una scuola aperta, sia nell’orario che si prolunga ogni giorno fino a tarda sera, sia nello sviluppo di attività di formazione per adulti e per docenti di altre scuole provenienti da tutta la regione, ma anche nella costante disponibilità data nell’utilizzo delle proprie strutture a realtà esterne all’istituto. Questi elementi permettono inoltre di avere accesso a risorse finanziarie più consistenti, che vengono poi reinvestite nel processo di costante innovazione della scuola e in particolare nel funzionamento della sua ampia struttura gestionale, in cui più di 40 persone hanno compiti direzionali e che, più in generale, permette all’istituto di gestire le dinamiche interne ed esterne con grande autonomia.

La filosofia del Malignani è ben riassunta nelle parole del suo dirigente Andrea Carletti: "L'innovazione educativa consente lo sviluppo di competenze di nuovi cittadini che formeranno una società in grado di cambiare il sistema attuale. Se lavoriamo per creare adulti autonomi e pensanti, possiamo credere in un mondo più equo ed inclusivo dove la scuola funge da faro per il futuro ". 

Altre info per te