Ana Bella Estevez: l'empowerment femminile oltre la violenza domestica - Milano 8 ottobre 2014

Intervenendo l’8 ottobre al salone del CSR di Milano Ana Bella ha parlato della sua esperienza di imprenditrice sociale, dimostrando che con la propria energia e passione si può cambiare il mondo.

Ana Bella

Ana Bella Estevez é una donna forte, che ha trasformato la violenza subita per anni tra le pareti domestiche in un’arma di arricchimento e valorizzazioni personale e professionale. Nell'ambito del progetto "This Works! Idee e soluzioni per l'occupazione e la ripresa in Europa Meridionale" ha parlato della sua esperienza a Milano, descrivendo le attività della sua Fondazione. Da più di 10 anni Ana Bella aiuta le donne che hanno subito violenza a non rassegnarsi al ruolo di vittima, ma a ribaltare antichi tabù e inutili compatimenti: con la sua fondazione ha dimostrato che l'abuso subito può trasformarsi in forza costruttiva, l'isolamento passato in empatia presente, il perdono in grande capacità di empowerment. Le donne che seguono il suo training non soltanto riescono a liberarsi ed emanciparsi rispetto alle violenze fisiche e psicologiche subite, ma danno vita a nuovi percorsi professionali acquisendo consapevolezza del proprio valore e delle proprie capacità. Così dalla violenza si guadagnano forza di carattere e determinazione, dal timore sperimentato si impara ad interpretare le persone, l’abuso diviene perseveranza e la tolleranza un’ arma per resistere alle situazioni di stress. Con una nuova logica vengono capovolti tutti gli stereotipi negativi sulle donne abusate, trasformandole donne in veri asset strategici per le aziende. Così Ana Bella è riuscita nel tempo a stringere partnership strategiche con vari soggetti pubblici e privati (tra cui Danone), creando così un network di imprese interessate ad assumere le donne della Fondazione. 

Il metodo di Ana Bella si basa su una potente rete peer-to-peer, all’interno della quale donne che hanno vissuto l’esperienza della violenza insegnano ad altre donne come riscattare la propria dignità, trasmettendo nel contempo nuove conoscenze professionali, dando così vita ad un riscatto sociale ed economico dall’effetto moltiplicatore. Ogni donna "sopravvissuta"  diventa  a sua volta agente di cambiamento, dando vita ad un nuovo polo di energia ed empatia in pieno spirito Everyone A Changemaker™.

(Da un'intervista di Ottavia Tomarchio)

Leggi la storia di Ana Bella in un articolo del Corriere Sociale.

Scopri di più sul Progetto "This Works!" a questo sito.

 

Il progetto è reso possibile grazie al sostegno della Fondazione Robert Bosch.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su 12 Ottobre 2014
Argomenti correlatiBusiness e Impresa Sociale, Imprenditoria Sociale

Altre info per te