In che modo i modelli organizzativi orizzontali e fluidi generano buoni affari

Disponibile in EN | FR | IT | ES
Mission control

Mentre il mondo diventa sempre più interconnesso e la velocità del cambiamento accelera, per restare competitivi è fondamentale la creazione di nuovi modelli organizzativi. Quando le organizzazioni lavorano in team flessibili e aperti, con responsabilità e processi decisionali distribuiti e interconnessi, l'effetto è duplice: infondono passione e obiettivi nella loro forza lavoro e si strutturano in modo da risolvere i problemi in modo agile e rapido. In un precedente post (Il vostro team non è mai stato cosi importante), abbiamo parlato dell'approccio di Ashoka ai modelli organizzativi (“Team of Teams”) dei suoi quattro principi di progettazione.

Questi quattro principi di progettazione sono il frutto di una sintesi di una serie di attività del cambiamento su larga scala nelle aree a scopo di lucro e Onlus. Essi includono:

  • Partecipazione inter-funzionale / inter-gerarchica 

  • Ruoli e responsabilità fluidi e diffusi

  • Ognuno ha il potere di guidare

  • Condividere una visione comune al di là di successo di ogni singolo membro del team

[...]

Ashoka è sperimenta un approccio di team di team per risolvere una sfida complessa nel nostro sistema di istruzione: come possiamo garantire che ogni bambino abbia la padronanza delle competenze di un cittadino globale - soprattutto empatia, lavoro di squadra, leadership e risoluzione critica dei problemi? Ashoka ha deciso di costruire una rete di scuole elementari, medie e superiori in tutto il mondo che servono come modelli per la coltivazione di queste competenze critiche fin dalla giovane età.

Inizialmente, Ashoka si è affidata ad un metodo tradizionale di lavoro; un team di staff Ashoka ha fornito direttamente corsi di formazione di abilità e di programmazione per gli insegnanti e i loro studenti. Tuttavia, questo approccio di consegna del servizio significava tempo e risorse, e non poteva ottenere l'apporto necessario in termini di impegno. Ashoka ha poi testato una struttura più flessibile del team di team che rifletteva il contesto scolastico locale. Oggi, qualsiasi Scuola Changemakerha un team composto da almeno un amministratore, un genitore, un insegnante, e si sta evolvendo per includere uno studente nel team. Inoltre, i team della scuola (che abbracciano 190 scuole in 26 paesi) condividono una visione più ampia di trasformazione in materia di istruzione, al di là degli obiettivi per il successo della propria singola scuola.

In entrambi questi esempi, la natura dell'approccio di team di team riflette, e rispetta, la fluidità, la complessità e l'immediatezza del complesso problema sociale sottostante. Un certo numero di organizzazioni stanno esplorando simili strutture di team non convenzionali: quelli con scarsa gerarchia e con decentramento del processo decisionale. Aziende quali Zappos, Valve e le 12 organizzazioni studiate nel dettaglio da Frederic Laloux sono buoni esempi. Molti di questi modelli organizzativi contengono elementi di "auto-organizzazione" Per far funzionare un team di auto-organizzazione, qual è il giusto equilibrio tra la passione e le competenze tra i membri del team? Questo sarà il tema del nostro prossimo post.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su 27 Novembre 2016
Argomenti correlatiImpegno civico, Impegno civico, Sviluppo E Prosperità, Sviluppo Della Comunità, Alloggi, Business e Impresa Sociale, Cooperative, Impresa sociale, Business, Lavoro, Gruppi di lavoro trasversali

Autori

David Thompson
David Thompson is Chief Learning Officer at Community Solutions, an organization dedicated to enabling a future without homelessness.
Sarah Jefferson est entrée chez Ashoka à Washington DC en 2007, travaillant à la communication et à la sélection des Ashoka Fellows. Depuis 2010 elle travaille avec l’équipe française sur le partenariat entre Ashoka et Boehringer Ingelheim, Making More Health, qui explore les modèles innovants dans le domaine de la santé. Elle est passionnée par les collaborations entre le monde du business et le monde social, et par la façon dont l’alliance de ces deux secteurs peut générer plus d’impact.

Altre info per te