Se volete cambiare il mondo, vi servono i giovani

Kuratierte Geschichte
This article originally appeared on Bloomberg

Bill Drayton non vuole fare altro che cambiare il mondo – quindi, piuttosto semplice. Nel 1980 ha fondato Ashoka, un'associazione di imprenditori sociali di livello mondiale il cui programma principale consiste in 3 anni di supporto finanziario e logistico per progetti con il potenziale per fare del bene su larga scala. Dopo 3.800 Ashoka Fellow selezionati e il riconoscimento del MacArthur Genius Grant, Bill Drayton trova ancora nuovi modi per esercitare la propria influenza positivamente. 
Drayton ha cominciato la propria carriera come impiegato, non come visionario. È stato consulente a McKinsey & Co. per un decennio, poi un tecnico della politica alla Agenzia per la Protezione Ambientale statunitense nei tardi anni Settanta. (…) Drayton aveva la reputazione di un lavoratore instancabile, ma con una vena creativa. “Molto di quello che fatto era molto innovativo e molto discutibile” dice Gamse, che gestiva l’Ufficio di Pianificazione e Valutazione dell’agenzia sotto la guida di Drayton. “Molte volte la mia prima reazione era ‘Questa cosa è folle. Non c’è alcuna possibilità che questa cosa si realizzi!’. E Bill non mollava”. Drayton è famoso negli ambienti politici per aver lanciato lo scambio delle quote di emissioni, anche conosciuto come “cap and trade”, con cui le aziende possono scegliere come raggiungere gli obiettivi ambientali, se riducendo le proprie emissioni, o pagando un’altra azienda con un migliore impatto ambientale acquistandone i “crediti” sulle emissioni.
Drayton è sempre stato consapevole che i buoni spunti per le politiche pubbliche spesso arrivano da imprenditori. Un progetto ideale per Ashoka non riguarda una scuola o un ospedale particolare; piuttosto, aiuta a eliminare una debolezza sistemica. Gli Ashoka Fellow possono avere un'ampia influenza: la metà ha visto i propri progetti rientreare all'interno di politiche nazionali. Verso la metà degli anni Ottanta Drayton notò che quasi tutti gli Ashoka Fellow avevano avuto esperienze imprenditoriali già da adolescenti; ancora più impressionante, circa un terzo dei loro progetti riguardava questioni legate a quella età. “Così adesso avevamo questi due profili, entrambi che dicevano la stessa cosa – che rendere i giovani protagonisti è davvero molto importante” dice.
Ashoka adesso manda avanti un’intera lista di programmi mirati a insegnare ai giovani adolescenti competenze come la leadership – tra i quali Crescere Innovatori, che fornisce a ragazzi e ragazze che hanno idee per progetti di imprenditoria sociale l’aiuto che serve per avviarli. Ad oggi, ha raggiunto 15.000 giovani in 40 paesi. Quest’anno Ashoka sta lavorando con istituti formativi per insegnanti, associazioni di insegnanti, genitori e distretti scolastici per insegnare loro come supportare i changemakers in erba. “Una volta che hanno avuto l’esperienza di aver sviluppato un’idea, messo insieme una squadra e cambiato la propria realtà, hanno l’equivalente di un dottorato nelle competenze più importanti al mondo” dice Drayton. “La vita non è più fatta di ripetizione e rispetto degli ordini. In questo modo hanno le competenze di cui la società ha disperatamente bisogno.  E, ” aggiunge, “è divertente". 

Continue Reading